fbpx
Next Age logo white

Compliance 231

CONFORMITA’ LEGALE

La Società AC75 Startup Accelerator S.p.a. ha adottato il Modello di Organizzazione gestione e controllo in conformità al D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231, che disciplina la responsabilità amministrativa degli enti derivante dalla commissione di alcuni illeciti penali da parte di persone che agiscono per loro conto.
Il Modello ricomprende al suo interno anche il Codice Etico che individua e formalizza i principi cui l’ente ispira il proprio agire. Il rispetto del Modello e del Codice Etico è stato demandato ad un Organismo di Vigilanza cui possono essere indirizzate segnalazioni alla mail ad esso dedicata: odv@ac75sa.com, precisando nell’oggetto della mail “Segnalazioni all’Organismo di Vigilanza della Startup Accelerator S.p.a. ai sensi del d.lgs.231/2001
(Le segnalazioni saranno trattate dall’Organismo di Vigilanza con la dovuta riservatezza e confidenzialità, nel rispetto della normativa vigente in merito.)
Tutti coloro i quali a qualsiasi titolo e livello prestano la propria opera per la Società AC75 Startup Accelerator S.p.a. sono tenuti ad osservare le regole del Codice Etico. La presente pubblicazione vale come notifica.

1. INTRODUZIONE

La società AC75 Startup Accelerator S.p.A. (di seguito anche “AC75” o la “Società”) è un acceleratore di startup che lavora per sviluppare sul territorio marchigiano un hub dell’innovazione attraverso il coinvolgimento attivo di startup, aziende corporate, centri di ricerca ed investitori nazionali ed internazionali, con l’obiettivo di avviare collaborazioni operative tra ognuno di questi attori. La sua attività parte dalla ricerca e selezione dei talenti, delle abilità e le competenze delle persone del territorio per sviluppare, insieme a loro, le future figure manageriali e realtà imprenditoriali. AC75 ricerca, seleziona e investe in startup a forte contenuto innovativo e con un potenziale successo di mercato, supportandole attraverso investimenti in capitale e programmi di accelerazione specifici, che coinvolgano anche giovani talenti.
Primo investitore di AC75 è la Fondazione Marche, la quale da sempre promuove il rinnovamento e la crescita del sistema produttivo marchigiano attraverso l’intraprendere, favorendo progetti di startup con particolare riguardo ai benefici per l’occupazione giovanile.

1.1. CONTENUTO E AMBITO

La Società ha definito un Codice Etico che formalizza e definisce norme e principi di comportamento e che rappresenta l’impegno d’integrità morale e di responsabilità economica e sociale che costituisce il primario e fondamentale valore della Società.
Il “Codice Etico” è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del [°] e definisce i principi etici e sociali ai quali la Società e tutti coloro che operano per essa, devono attenersi. Il presente
Codice ha dunque lo scopo di indirizzare eticamente l’agire della società AC75, pertanto le sue disposizioni sono vincolanti per i comportamenti di tutti (a titolo non esaustivo d’esempio: gli amministratori, i dipendenti, i consulenti ecc…). Del Codice è data ampia diffusione interna ed esterna mediante idonea modalità e lo stesso è messo a disposizione di qualunque interlocutore della Società. La Società si impegna, altresì, a richiamare l’osservanza delle disposizioni del presente Codice in tutti i rapporti economici da essa instaurati.
In nessun caso, infatti, sarà giustificato un comportamento in violazione di tali principi e dello scopo della Società, anche se adottato con l’intenzione di agire per il bene della stessa. Qualora la natura dei servizi o dei processi lo richiedano, a giudizio e cura del Consiglio, potranno essere sviluppati, sulla base dei presenti principi, specifici Codici di Comportamento.

2. PRINCIPI GENERALI

2.1. RAPPORTI e OBIETTIVI

Il Codice Etico si pone l’obiettivo di identificare principi etici in maniera semplice e metodica che siano rilevanti per tutti i dipendenti e gli stakeholders della Società.
Quale elemento di applicazione delle disposizioni dell’articolo 6 del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, il Codice Etico è parte sostanziale ed integrante del Modello di Organizzazione e Gestione integrando il quadro normativo al quale la Società è sottoposta.

Il Codice è altresì ispirato ad alti principi e valori riconosciuti e tutelati a livello nazionale, comunitario ed internazionale.
Tra gli altri, a mero titolo esemplificativo, si richiamano:

  • The United Mations Universal Declaration of Human Rights and the European Convention on Human Rights.
  • The United Nations Convention on the Rights of the Child.
  • The United Nations Women’s Empowerment Principles.
  • The International Labor Organization conventions.
  • The OECD Guidelines for Multinational Enterprises.

2.2. PRINCIPI

2.2.1.LEGALITÁ

L’osservanza delle leggi e dei regolamenti vigenti in Italia, in Europa e in tutti i Paesi in cui si la Società si trova ad operare, nonché il rispetto dell’ordine democratico ivi costituito sono principi imprescindibili ed inderogabili. In nessun caso è ammesso perseguire o realizzare l’interesse della società AC75 in violazione di leggi.

2.2.2.TRASPARENZA

Nella gestione dell’impresa la Società persegue il principio della trasparenza documentando le attività e le scelte che le determinano con adeguata evidenza in modo da consentire la tracciabilità delle attività rilevanti così da individuare e definire motivi, ragioni e responsabilità. La Società, nel rispetto degli obblighi di trasparenza applicabili, rende accessibili le informazioni societarie di pubblico interesse, comunicando agli stakeholders informazioni commerciali complete ed esatte.

2.2.3.RISERVATEZZA

Allo stesso tempo la Società protegge la riservatezza di informazioni proprie o di terzi, adottando processi autorizzativi chiari ed obiettivi. In particolare, la Società tratta i dati personali nel rigoroso rispetto della vigente normativa applicabile avendo cura di adottare comportamenti che non ledono i diritti e le libertà degli interessati.

2.2.4.CORRETTEZZA

La Società conforma la propria attività in modo da preservare gli interessi dei propri stakeholders, secondo buona fede, garantendo il soddisfacimento degli inderogabili doveri di solidarietà sociale, imposti dall’art. 2 della Costituzione Italiana.

2.2.5.ONESTA’

L’azione della Società deve essere imparziale, evitando ogni forma di discriminazione basata sull’età, sull’origine razziale ed etnica, sulla nazionalità, sulle opinioni politiche, sulle credenze religiose, sul sesso, la sessualità o lo stato di salute.

2.2.6.DIVIETO DI DISCRIMINAZIONI, VIOLENZE, MOLESTIE

La Società rispetta, promuove ed attua il diritto di tutti ad un mondo del lavoro libero dalla violenza e dalle molestie. Qualsiasi atto di natura violenta o ingiustificatamente discriminatorio, o molestie, compiuto da un prestatore d’opera, a qualsiasi titolo o livello, non sarà tollerato dalla Società. Per molestie si intende un insieme di pratiche e di comportamenti inaccettabili, o la minaccia di attuarli, sia in un’unica occasione, sia ripetutamente, che si prefiggano, causino o possano comportare un danno fisico, psicologico, sessuale o economico.

2.2.7.AMBIENTE

La Società è consapevole dell’incidenza delle proprie attività sullo sviluppo economico-sociale e sulla qualità della vita del territorio di riferimento, per questa ragione, nello svolgimento della propria attività, si impegna a salvaguardare l’ambiente circostante e a contribuire allo sviluppo sostenibile del territorio.

2.2.8.PATRIMONIO CULTURALE

La Società riconosce che la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale, come sancito dalla Costituzione Italiana, concorrono a preservare la memoria della comunità nazionale e del suo territorio e a promuovere lo sviluppo della cultura. A tal fine, per quanto di propria competenza e nei limiti dei propri poteri, si obbliga a garantirne la conservazione nel rispetto la vigente normativa applicabile.

2.3. VALORE DEL CODICE

L’osservanza delle norme del codice deve considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali di tutti i prestatori d’opera, a qualsiasi titolo e/o livello, della Società siano essi dipendenti, collaboratori, partner, fornitori o amministratori.
La grave, o persistente, o reiterata violazione delle norme del Codice etico da parte dei suoi destinatari lede il rapporto di fiducia instaurato con la Società, costituisce grave inadempimento e può comportare, a seconda dei casi, l’irrogazione di sanzioni disciplinari, il risarcimento del danno, la risoluzione del rapporto in essere col contravventore.

3. GOVERNANCE

Il sistema di governo adottato dalla Società è conforme alla normativa vigente ed è volto ad assicurare la massima e più equilibrata collaborazione tra le sue componenti attraverso un contemperamento armonico dei diversi ruoli di gestione, di indirizzo e di controllo.
I componenti degli organi aziendali devono informare la propria attività ai principi di correttezza ed integrità, astenendosi dall’agire in situazioni di conflitto di interesse nell’ambito dell’attività da loro svolta nella Società. Ad essi è altresì richiesto un comportamento ispirato ai principi di autonomia, di indipendenza e di rispetto delle linee di indirizzo che la Società fornisce nelle relazioni che essi intrattengono, per conto della stessa, con le Istituzioni pubbliche e con qualsiasi soggetto privato.
È richiesta la loro partecipazione assidua ed informata all’attività della Società; essi sono tenuti a fare un uso riservato delle informazioni di cui vengono a conoscenza per ragioni di ufficio e non possono avvalersi della loro posizione per ottenere vantaggi personali, diretti o indiretti; ogni attività di comunicazione deve rispettare le leggi e le pratiche di condotta e deve essere volta a salvaguardare le informazioni di carattere sensibile e di segreto industriale. Ai componenti degli organi dell’impresa è richiesto il rispetto della normativa vigente, dei principi contenuti nel presente Codice e del Modello di organizzazione e gestione. Gli obblighi di lealtà e riservatezza vincolano tali soggetti anche successivamente alla cessazione del rapporto con la Società.

4. RAPPORTI CON I COLLABORATORI E DIPENDENTI

4.1. VALORE DELLE PERSONE

La società AC75 riconosce il valore delle risorse umane, il rispetto della loro autonomia e l’importanza della loro partecipazione all’attività di impresa.
La società AC75 promuove il rispetto dell’integrità fisica e culturale della persona e:

  • favorisce e presta attenzione alla crescita professionale dei propri collaboratori;
  • predispone un ambiente lavorativo ricettivo, stimolando la proposizione dei contributi professionali individuali e di gruppo;
  • si adopera per coinvolgere le persone nella condivisione degli obiettivi e nell’assunzione di responsabilità coerenti con i ruoli ricoperti;
  • si attiene a criteri di professionalità, competenza e merito nella selezione, valutazione, retribuzione e formazione del personale, evitando ogni forma di discriminazione;
  • garantisce condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale ed ambienti di lavoro sicuri;
  • non tollera richieste o minacce volte ad indurre le persone ad agire contro la legge ed il Codice Etico, o ad adottare comportamenti lesivi delle convinzioni e preferenze morali e personali di ciascuno.

La Società sostiene e rispetta i diritti umani in conformità con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU.
La Società, parimenti, si attende che i dipendenti agiscano nel rispetto del principio di imparzialità e si adoperino al mantenimento di un clima interno rispettoso della dignità e della personalità dell’individuo.

4.2. CLIMA DI LAVORO

La Società si impegna a garantire il rispetto delle condizioni necessarie per l’esistenza di un ambiente di lavoro privo di violenza e di molestie, collaborativo e non ostile e, a prevenire comportamenti discriminatori di qualsiasi tipo, quali, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, la discriminazione di segnalanti, per il genere, per l’orientamento sessuale, per razza, per credo religioso, per idee filosofiche, per idee politiche, per censo, ecc…
La Società esige che nelle relazioni di lavoro interne ed esterne non venga dato luogo a molestie, intendendo come tali:

  • la creazione di un ambiente di lavoro intimidatorio, ostile o di isolamento nei confronti di singoli o gruppi di lavoratori;
  • la ingiustificata interferenza con l’esecuzione di prestazioni lavorative;
  • l’ostacolo a prospettive di lavoro individuali per meri motivi di competitività personale;
  • le molestie di natura sessuale fini a se stesse o imposte per favorire l’elargizione o l’ottenimento di benefici all’interno dell’ambiente di lavoro.

È richiesta la collaborazione di tutti al fine di mantenere un clima di reciproco rispetto della dignità, dell’onore e reputazione di ciascuno. Non costituiscono discriminazioni quelle disparità motivabili sulla base di criteri oggettivi.

4.3. LAVORO

La Società riconosce la centralità delle risorse umane, quale principale fattore di successo di ogni impresa, in un quadro di lealtà e fiducia reciproche tra datore e prestatori di lavoro.
Le assunzioni avvengono con regolare contratto di lavoro nel pieno rispetto di tutte le norme legali e contrattuali, favorendo l’inserimento del lavoratore nel luogo di lavoro. La Società favorisce il continuo miglioramento della professionalità dei propri dipendenti, anche attraverso lo svolgimento di iniziative formative.

4.4. FORMAZIONE

La Società periodicamente individua e programma iniziative formative i cui contenuti sono definiti secondo le necessità di ciascuna categoria che è tenuta al rispetto di questo codice etico.
La partecipazione agli eventi formativi è condizione di adempimento degli obblighi verso la Società.

4.5. SCRITTURE CONTABILI E REGISTRAZIONI

Coloro ai quali è affidato il compito di tenere le scritture contabili sono tenuti ad effettuare ogni registrazione in modo accurato, completo, veritiero e trasparente e a consentire eventuali verifiche da parte di soggetti, anche esterni, a ciò preposti. Le evidenze contabili devono basarsi su informazioni precise e verificabili e devono rispettare pienamente le procedure interne in materia di contabilità. Ogni scrittura deve permettere di ricostruire la relativa operazione e deve accompagnarsi ad una adeguata documentazione.
Tutte le azioni riguardanti l’attività della società AC75 devono risultare da adeguate registrazioni che consentano di operare verifiche e controlli sul processo di decisione, autorizzazione e svolgimento. Per alcun motivo o ragione è ammesso o tollerato:

  • compiere operazioni simulate oggettivamente o soggettivamente ovvero avvalendosi di documenti falsi o di altri mezzi fraudolenti idonei ad ostacolare l’accertamento e ad indurre in errore l’amministrazione finanziaria.
  • emettere o rilasciare fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.
  • distruggere in tutto o in parte le scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la conservazione, in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume di affari.
4.6. SICUREZZA DELLE PERSONE

La Società si impegna a tutelare l’integrità morale e fisica dei propri dipendenti, dei consulenti e dei propri clienti. A tal fine promuove comportamenti responsabili e sicuri e adotta tutte le misure di sicurezza richieste dall’evoluzione tecnologica per garantire un ambiente lavorativo sicuro e salubre, nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di prevenzione e protezione di cui al D.Lgs 81/2008.

4.7. PRESTATORI D’OPERA

Chi presta la propria opera, a qualsiasi titolo e livello, per la società AC75, deve mantenere una posizione di autonomia ed integrità al fine di evitare di assumere decisioni o svolgere attività in situazioni, anche solo apparenti, di conflitto di interessi rispetto all’attività della Società medesima. Deve essere evitata qualsiasi attività che contrasti con il corretto adempimento dei propri compiti o che possa nuocere agli interessi e all’immagine della Società. Ogni situazione di conflitto di interessi, reale o potenziale, deve essere preventivamente comunicata al responsabile del Punto Organizzativo competente che, secondo le modalità previste, informerà il Presidente del Consiglio di Amministrazione e l’Organismo di Vigilanza. Coloro che prestano la propria opera, a qualsiasi titolo e livello, per la Società non possono chiedere, per sé o per altri, regali o altre utilità, né accettare quest’ultime, salvo quelle d’uso di modico valore o conformi alle normali pratiche commerciali e di cortesia, da chiunque abbia tratto o che comunque possa trarre benefici dall’attività della Società. Non possono altresì essere offerti regali o altre utilità a tutti quei soggetti da cui possano essere acquisiti trattamenti di favore nella conduzione di qualsiasi attività collegabile alla Società. Non possono essere attribuiti vantaggi illeciti a clienti o fornitori pubblici e privati. I regali e vantaggi offerti ma non accettati, che eccedano il valore modico, devono essere segnalati per consentire una adeguata valutazione da parte del responsabile del Punto Organizzativo competente, il quale provvederà ad informare il Presidente del Consiglio di Amministrazione e, ove sussistano le condizioni, l’Organismo di Vigilanza. Tale norma non ammette deroghe neanche in quei Paesi in cui offrire doni di valore o altri benefici è consuetudine.

4.8. CURA DELLE INFORMAZIONI

IIl prestatore d’opera è tenuto a mantenere riservate le informazioni apprese nell’esercizio delle proprie funzioni in conformità alla legge, ai regolamenti e alle circostanze. Egli deve osservare tale dovere di riservatezza anche dopo la cessazione del rapporto di lavoro adoperandosi affinché vengano rispettati gli adempimenti previsti dalle vigenti normative sulla privacy. Deve altresì custodire con cura i documenti che gli sono stati affidati. Chiunque presta la propria opera, a qualsiasi titolo e livello, per la Società non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con la Società, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa, anche attraverso pagine personali su social, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio.

5. LE INFORMAZIONI

Le informazioni che vengono diffuse dalla società AC75 sono complete, trasparenti, comprensibili ed accurate, in modo da permettere ai destinatari di assumere decisioni consapevoli in merito alle relazioni da intrattenere con la Società stessa.
La Società si impegna ad informare in modo chiaro e trasparente tutti gli stakeholder circa la propria situazione ed il proprio andamento, senza favorire alcun gruppo d’interesse o singolo individuo, mediante le funzioni all’uopo demandate.
Tutte le transazioni e le operazioni effettuate devono avere una registrazione adeguata e deve essere possibile la verifica del processo di decisione, autorizzazione e svolgimento. Per ogni operazione vi deve essere adeguato supporto documentale al fine di poter procedere, in ogni momento, all’effettuazione di controlli che attestino le caratteristiche e le motivazioni dell’operazione ed individuino chi ha autorizzato, effettuato, registrato, verificato l’operazione stessa.

5.1. COMUNICAZIONE

Le informazioni afferenti ad AC75 e ai suoi programmi e dirette ai mass media potranno essere divulgate solamente dalle funzioni aziendali a ciò delegate, nel rispetto dei protocolli e delle procedure vigenti. I Collaboratori, qualora sia loro richiesto di fornire informazioni o di rilasciare interviste, dovranno comunicarlo alla funzione a ciò competente e ricevere un’apposita e preventiva autorizzazione. In ogni caso, la comunicazione all’esterno di dati o di informazioni dovrà essere veritiera, trasparente e tale da riflettere in modo omogeneo l’immagine e le strategie adottate dalla Società.
La tutela delle informazioni è un principio fondamentale per la Società, per tale ragione, è dovere di tutti adottare comportamenti attenti e responsabili nella gestione delle informazioni aziendali.

6. AMMINISTRAZIONI ED AUTORITÁ PUBBLICHE

L’assunzione di impegni verso la Pubblica Amministrazione e le Istituzioni Pubbliche è riservata esclusivamente alle funzioni dell’ente preposte ed autorizzate, nel rispetto della più rigorosa osservanza delle disposizioni di legge e regolamentari applicabili e non possono in alcun modo compromettere l’integrità e la reputazione della Società.
Per questo motivo è necessario che venga raccolta e conservata la documentazione relativa ai contatti con la Pubblica Amministrazione.
La Società, attraverso i propri dipendenti o rappresentanti, non deve promettere od offrire a pubblici ufficiali, incaricati di Pubblico Servizio o a dipendenti in genere della Pubblica Amministrazione o di altre Istituzioni Pubbliche, denaro, beni o altre utilità di vario genere al fine di promuovere e favorire i propri interessi o gli interessi dell’ente, o anche per compensare o ripagare per un atto del loro ufficio né per conseguire l’esecuzione di un atto contrario ai doveri del loro ufficio.
Atti di cortesia commerciale, quali omaggi o forme di ospitalità, o qualsiasi altra forma di beneficio (anche sotto forma di liberalità), sono consentiti soltanto se di modico valore e tali da non compromettere l’integrità e la reputazione delle parti e da non poter essere interpretati, da un osservatore terzo ed imparziale, come atti destinati ad ottenere vantaggi e favori in modo improprio. In ogni caso tali atti devono essere sempre autorizzati ed adeguatamente documentati.
E’ vietata qualsiasi attività diretta o anche attraverso interposta persona, finalizzata a influenzare l’indipendenza di giudizio o ad assicurare un qualsiasi vantaggio all’ente.

7. RAPPORTI ESTERNI

La Società AC75 è consapevole degli effetti della propria attività sullo sviluppo economico e sociale e sul benessere generale della collettività e pone attenzione, nel proprio operato, a contemperarne gli interessi. Per questo motivo, intende condurre ogni attività nel rispetto delle comunità locali e nazionali.
La Società ritiene che il dialogo con le associazioni, partner istituzionali e scientifici sia di importanza strategica per un corretto sviluppo delle proprie attività ed intende cooperare con esse nel rispetto dei reciproci interessi. Per quanto attiene i rapporti con partiti politici, loro rappresentanti o candidati, l’ente si attiene rigorosamente al rispetto delle normative applicabili.
La Società considera con favore e, nel caso, fornisce sostegno ad iniziative sociali e culturali anche mediante contributi a fondazioni le cui attività siano orientate alla promozione della persona ed al miglioramento della qualità di vita. Tali contributi dovranno essere erogati in modo rigorosamente conforme alla legge e alle disposizioni vigenti e adeguatamente documentati.

7.1. RAPPORTI CON LE START UP

Le Start Up costituiscono parte integrante del patrimonio aziendale di AC75.
La Società intrattiene rapporti con le Start Up che rispettano i principi fondamentali e, tenuto conto del loro ordinamento giuridico, sociale, economico e culturale di riferimento, le norme del presente Codice. Per consolidare la stima e, conseguentemente, la fedeltà delle Start Up di AC75, i rapporti con le stesse

devono essere impostati da parte di ciascun Destinatario secondo criteri di legalità e moralità, nel rispetto dei principi di professionalità ed onorabilità. A tal fine, i Destinatari tenuti a svolgere le proprie attività nei confronti delle Start Up con competenza, precisione, prudenza, saggezza, dedizione ed efficienza, nonché con onestà, lealtà, disponibilità e trasparenza. In particolare, sono tenuti a:

  • osservare le procedure fissate da AC75 relativamente ai rapporti con le Start Up;
  • fornire informazioni accurate, precise ed esaurienti alle Start Up, relativamente ai servizi prestati da AC75.
7.2. FORNITORI

Le modalità di scelta del fornitore devono essere conformi alle norme vigenti e alle procedure interne dell’impresa all’uopo previste. La scelta del fornitore e l’acquisto di beni e servizi di qualsiasi tipo devono avvenire nel rispetto dei principi di concorrenza e pariteticità delle condizioni dei presentatori delle offerte e sulla base di valutazioni obiettive relative alla competitività, alla qualità, all’utilità e al prezzo della fornitura, nonché nel rispetto dei principi di legalità. In alcun caso non può essere affidato un incarico con la mediata finalità di ottenere benefici o vantaggi, anche indirettamente, da parte di pubblico ufficiale, un incaricato di pubblico servizio o soggetti equiparati.
La Società, periodicamente, effettua controlli per assicurare il rispetto del Modello e del Codice Etico.

7.3. STAKEHOLDERS

La condotta della società Ac75 è improntata alla cooperazione e alla fiducia nei confronti degli stakeholders, cioè di tutti i soggetti pubblici o privati, siano essi individui, gruppi o istituzioni, il cui apporto risulti necessario per la realizzazione della missione aziendale e/o i cui interessi siano influenzati direttamente o indirettamente dalla attività della Società.

8. CONTROLLO E SEGNALAZIONI

8.1. DISCIPLINA

L’osservanza delle norme del Codice Etico deve considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali dei dipendenti ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2104 del Codice Civile. Le violazioni delle norme del Codice Etico potranno costituire inadempimento delle obbligazioni primarie del rapporto di lavoro o illecito disciplinare, nel rispetto delle procedure previste dall’art. 7 dello Statuto dei Lavoratori, e del codice disciplinare, con ogni conseguenza di Legge, anche in ordine alla conservazione del rapporto di lavoro, e potrà comportare il risarcimento dei danni dalle stesse derivanti.
L’osservanza del Codice deve considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali assunte dai collaboratori non subordinati e/o soggetti aventi relazioni d’affari con la Società. La violazione delle norme del Codice Etico potrà costituire inadempimento delle obbligazioni contrattuali, con ogni conseguenza di Legge, anche in ordine alla risoluzione del contratto e/o dell’incarico e potrà comportare il risarcimento dei danni dalla stessa derivanti.
La Società si impegna a prevedere e ad irrogare, con coerenza, imparzialità ed uniformità, sanzioni proporzionate alle rispettive violazioni del Codice e conformi alle vigenti disposizioni in materia di regolamentazione dei rapporti di lavoro.

8.2. CONTROLLO

La verifica del rispetto e dell’applicazione delle norme contenute nel presente Codice è affidata, in prima battuta a ciascun Responsabile di Punto Organizzativo, quindi al Consiglio di Amministrazione e, in fine alle funzioni societarie di vigilanza quali il Collegio Sindacale e l’Organismo di Vigilanza.

8.3. SEGNALAZIONI

È un diritto e un dovere proprio di ciascuna persona, nonché un parametro essenziale di diligenza, collaborazione e lealtà di chiunque presta la propria opera a qualsiasi titolo e/o livello per la Società, inclusi gli amministratori, i soci, i partners e gli stakeholder, interni ed esterni, di segnalare all’Organismo di Vigilanza le violazioni, anche presunte, di questo Codice di cui dovessero venire a conoscenza.

8.4. WHISTLEBLOWING

La Società rispetta i principi in materia di whistleblowing disciplinando il processo di gestione della segnalazione nella “Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità” e adottando un canale informatico con la garanzia del rispetto della riservatezza del segnalante e del contenuto della segnalazione.
La Società ha individuato un Responsabile della Segnalazione persona terza ed autonoma rispetto alla Società.

9. CHIUSURA

Il Consiglio di Amministrazione approva il Codice Etico assicurandosi, attraverso il sistema organizzativo della Società, che esso sia diffuso, applicato, vigilato ed aggiornato.